Yamaha DTX760k – La batteria professionale con una suonabilità vicina a quella delle batterie acustiche

La nuova DTX760k di Yamaha si propone come la batteria ideale per chi cerca una soluzione professionale di alto livello. Il cuore del kit è il modulo DTX700, che consente di realizzare un solido groove e di affinare le proprie abilità man mano che si suona. Il modulo ha una memoria Flash-ROM da 64 MB e permette di caricare i campionamenti preferiti all’interno dell’unità utilizzando un dispositivo di memoria USB. Incluso nel kit uno snare pad XP120SD da 12” a 3 zone, un pad XP120T da 12” e due tom pad XP100T da 10”. Questi pad fanno parte del DTX-Pad set, che garantisce ai batteristi una buona sensibilità, massima silenziosità e una suonabilità vicina a quella garantita dalla batteria acustica. I pad sono inoltre stati progettato con una superficie di suono mobile (Floating System) che – come spiegano in azienda – «consente al batterista di scandire chiaramente gli accenti da FF a PP e i dettagli delle ghost-note».

Compreso nel kit: un pad Hi-Hat montato su un vero stand Hi-Hat, tre pad piatti e il nuovo Kick Pad KP100, progettato per facilitare l’utilizzo del doppio pedale.

Per tutti i dispositivi iOS, Yamaha ha realizzato l’App DTX700Touch che consente di creare, modificate e memorizzate i propri campioni con il touch screen del proprio iPhone o iPad.

 

Caratteristiche tecniche:

DTX700 Drum Trigger Module

  • 64 MB Flash-ROM
  • 1.396 Voices, 64 note di polifonia, 60 User Drum Kits
  • USB to DEVICE/to HOST, 12 Trigger Inputs, Aux In/Sampling In
  • Integrated Sequencer
  • Steinberg Cubase AI incluso

DTX-PAD Set

DTP904 Pad Set

  • Un XP120SD
  • Un XP120T
  • Due XP100T
  • Un CH755 (Asta per piatti)
  • Un HS740A (Stand Hi-Hat)

DTP903 Pad Set

  • Due PCY135 (Cymbal Pad 3-zone)
  • Un PCY155 (Cymbal Pad 3-zone)
  • Un RHH135 (Hi-Hat Pad 2-zone)
  • Un KP100 (Kick Pad)
  • Due CH750 (Asta per piatti)
  • Un SS662 (Reggi rullante)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here