Soresina Music Movement: chitarre per un mondo migliore

— A cura di Luca Masperone

“Da qualche anno è tradizione dell’Associazione Soresina Music Movement promuovere eventi con chitarristi acustici per la raccolta di fondi a favore della ricerca sulla Sindrome di Rett” spiega il presidente dell’associazione Massimo Ottini “artisti come Bob Brozman, Ed Gerhard e Massimo Varini hanno sposato la nostra causa dando vita a concerti splendidi e a momenti di grande aggregazione”. Ma come nasce il tutto? “Soresina Music Movement apre nel 2007 dopo ben 10 anni di ‘lotte’ con l’amministrazione per ottenere una stanza dove far suonare le band di Soresina, non è stato facile! La nostra missione consiste nel diffondere la Cultura musicale nella nostra zona. Per quanto riguarda gli eventi benefici, dovete sapere che proprio qui c’è una bambina che è affetta dalla Sindrome di Rett, la mamma è una nostra cara amica e per questo abbiamo deciso di far diventare queste serate musicali un appuntamento fisso per far conoscere alle persone questa malattia che colpisce esclusivamente le bambine e per raccogliere fondi da destinare all’Associazione Airett, che finanzia la ricerca”.

Uno degli eventi più interessanti organizzati dall’associazione negli ultimi mesi è stato il concerto di Massimo Varini, che si è tenuto presso il Teatro Sociale di Soresina il 28 marzo, preceduto, in collaborazione con il Centro Musica Pizzighettone, da un seminario dello stesso Varini. “Siamo convinti che l’unione faccia la forza” afferma Ottini “più realtà unite corrispondono a un maggiore successo per le iniziative”. Il concerto si è svolto in collaborazione con il Comune di Soresina. La serata è stata aperta dal bravo chitarrista fingerstyle Lorenzo Favero, che con grande passione ha eseguito tre brani, lasciando poi il palco a Massimo Varini, affiancato in alcuni brani da Rossella Zanasi, cantante e sua compagna. “Il concerto è stato prevalentemente acustico” racconta Ottini “Massimo ha eseguito brani tratti dai suoi CD, toccando veramente l’anima delle persone durante le esecuzioni. Ha presentato i brani spiegando come nascono e quali emozioni vogliono trasmettere.
A Luigi Michelini e a tutti gli amici dell’associazione va il ringraziamento più sincero per il grande impegno profuso. Penso che, in un periodo difficile come questo, l’unione tra le varie associazioni che si occupano di musica sia un dovere per riuscire a veicolare sia il messaggio musicale che quello sociale. Siamo veramente contenti di questa scelta, che ha dato il via a una vera e propria collaborazione per la diffusione musicale in un territorio che va da Pizzighettone a Soresina, sicuramente avremo modo di organizzare insieme altre iniziative di un certo livello. Vorrei infatti rimarcare che la nostra associazione, oltre a raccogliere fondi, è impegnata nel proporre alle persone spettacoli di altissimo livello, questo perché crediamo nella Cultura musicale e non vogliamo scendere a compromessi, vogliamo il massimo, sempre”.
Per quanto riguarda la sala prove gestita dall’associazione, questa offre ai soci una strumentazione completa. La tessera annuale è di 15 euro e il noleggio della sala è di 10 euro ogni due ore. Il vice presidente è Adalberto Cogrossi, che insieme al presidente Massimo Ottini gestisce la sala e la programmazione dei concerti. “Dal 2007 a oggi abbiamo sempre organizzato eventi” racconta Massimo “ad esempio Rock In Theatre, Soresina On The Rock’s, serate jazz sotto i locali della biblioteca, oltre ad organizzare la festa di fine anno scolastico in collaborazione con l’amministrazione comunale. L’associazione ha sempre avuto nel proprio DNA la beneficenza, infatti buona parte degli eventi svolti ha avuto uno scopo di raccolta fondi per associazioni quali Telefono Azzurro, Una scuola in Barentu, ex CSE di Soresina, Terremoto per l’Aquila, Animals Asia-Orsi della Luna, fino a sposare negli ultimi anni l’associazione Airett. Da anni promuoviamo spettacoli con la collaborazione di Lions, Rotary, Pro Loco Soresina e alcuni privati. A dare il via sono stati i Portobello Road, la mia band, poi sono arrivati i grossi nomi come Franco Cerri e Carmelo Tartamella, e i grandi chitarristi acustici di cui abbiamo parlato. Siamo, e lo dico con orgoglio, l’unica associazione di Soresina, senza finanziamenti, che organizza eventi per raccogliere fondi per gli altri, crediamo nella responsabilità sociale e ne andiamo fieri”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here