— Emanuele Bazzotti

[quote_box_center]Una DI per chitarristi realizzata in collaborazione con Joe Bonamassa.[/quote_box_center] [su_slider source=”media: 1438,1437″ link=”lightbox” title=”no”] [su_dropcap size=”5″]L[/su_dropcap]a PDI03JB è una DI box passiva per amplificatori per chitarra. Si collega sul cavo di potenza, fra finale e cassa, e fornisce il suono dell’amplificatore attraverso due uscite (bilanciata e sbilanciata) attive contemporaneamente e utilizzabili per entrare in una scheda audio o in un mixer. È stata sviluppata per un utilizzo dal vivo, in casa, o in studio per eliminare l’utilizzo di microfoni e problemi annessi. Progettata per soddisfare le esigenze di Joe Bonamassa, è dotata di uno speciale JB Switch che permette di enfatizzare il suono dell’amplificatore, portandolo dritto in faccia. I filtri interni sono progettati per riprodurre la risposta di casse vintage o moderne. La Palmer PDI03JB esteticamente si presenta come un piccolo box in acciaio, poco più grande di un pedalino, con gli interruttori sul pannello superiore e le connessioni laterali. A sinistra ci sono i collegamenti di potenza con l’amplificatore e la cassa, a destra ci sono le uscite di linea e il tasto del ground lift. La scocca è dotata di fori di fissaggio. Le dimensioni ridotte e la costruzione robusta ne fanno un prodotto di qualità, facilmente trasportabile e indirizzata a un target di musicisti professionisti.

Il test

L’utilizzo standard consiste nel collegare l’uscita power out del nostro amplificatore all’input della Palmer PDI03JB, collegando poi l’uscita thru alla cassa (il tutto ovviamente con cavi di potenza). Poi colleghiamo l’uscita della DI (scegliendo all’occorrenza quella bilanciata o quella sbilanciata) all’ingresso del nostro sistema PA (scheda audio, mixer, ciabatta da palco, ecc.). Quando tutto è cablato possiamo accendere l’amplificatore e suonare. Se vogliamo utilizzare l’amplificatore senza cassa dobbiamo per forza collegare un opportuno carico sull’uscita thru. Purtroppo la PDI03JB non ce l’ha internamente (peccato perché sarebbe stato davvero comodo) ma se ce ne serve uno possiamo attingere al nutrito catalogo Palmer. Un’altro utilizzo della PDI03JB è quello di usarla solo come speaker simulator (anche se sarebbe un po’ riduttivo), posizionandola alla fine della catena dei nostri pedali. In questo caso non occorrono né cavi di potenza né il carico sull’uscita thru. Veniamo ora al funzionamento vero e proprio. In alto a destra abbiamo un attenuatore a tre passi (0/12/24 dB) per regolare il livello in ingresso. Queste attenuazioni ci permettono di utilizzare diverse potenze del segnale; amplificatori fino a 200 W (- 24 dB), intorno ai 10 W (- 12 dB), solo preamplificatore o pedalini (0 dB). L’attenuazione è poco invasiva sul segnale e ci permette sempre di trovare il giusto livello. Sempre in alto, ma a sinistra, abbiamo il magico JB Switch (Off/Medium/Heavy). Questo controllo è il più strategico e caratteristico. Aggiunge del “frizzantino” esaltando i medi, tagliando i bassi e dando presenza al segnale. Il risultato è che le nostre chitarre usciranno dal mix… come per magia! Per fare un esempio chitarristico, il comportamento del JB Switch è simile a quello di un overdrive: quando si accende è tutto più piacevole. In posizione Medium abbiamo una curva più larga, in posizione Heavy una campana più stretta e alta, quindi la risposta dipenderà molto dal tipo di chitarra e di amplificatore utilizzato. Nella parte inferiore del pannello di controllo abbiamo due interruttori che controllano il suono. Quello di sinistra (Deep/Normal/Flat) cambia la curva dei bassi. In posizione Deep i bassi sono ben presenti (suono tipico delle casse chiuse sul retro), Normal dà una risposta neutra, mentre Flat taglia leggermente i bassi come accade nelle casse aperte sul retro. L’interruttore a destra (Bright/Normal/Mellow) aggiusta invece la curva dei medio/alti. Bright dà un suono chiaro e diretto, Normal dà una risposta neutra e Mellow scalda e ammorbidisce il suono chiudendo gli alti. Con questi controlli di suono possiamo equalizzare il nostro segnale a piacere, simulando la risposta vintage o moderna dei cabinet. Ai chitarristi che vogliono tutto è sufficiente posizionare gli switch su Deep e Bright. Per quelli che invece vogliono capire meglio come la PDI03JB interviene sul suono suggeriamo di livellare il segnale con l’attenuatore, impostare il JB Switch su off e gli altri interruttori su Normal. A quel punto il suono standard (secondo noi già buono così) può essere modellato a piacere intervenendo sui vari switch. Ogni combinazione darà un suono sensato e ben bilanciato. Il merito di Palmer è anche quello di aver ottenuto tutto questo utilizzando solo circuitazione passiva. Noi chitarristi dobbiamo solo pensare a suonare senza doverci preoccupare di batterie e alimentatori.

Conclusioni

La Palmer PDI03JB è una DI box robusta e semplice da utilizzare. Grazie alle diverse configurazioni di suono è facile trovare ciò che abbiamo in mente e portarcelo sempre con noi. Se poi non dovesse essere questo il timbro che cerchiamo, il ricco catalogo Palmer ci viene in aiuto con prodotti simili di pari qualità.

PDI03JB_3

Adam Hall

Tel. +49060.8194190
www.adamhall.com
info@adamhall.com
199,00 Euro  Iva compresa

[su_divider top=”no” text=”Torna sopra” size=”2″]

Strumenti Musicali n. 3 — Aprile 2015

RASSEGNA PANORAMICA
Rapporto qualità/prezzo
Realizzazione
Suono
Facilità d’uso
Condividi
Articolo precedenteNative Instruments Komplete 10 e Komplete Kontrol S49
Prossimo articoloDi necessità virtù

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here