— Fabrizio Di Tano

[quote_box_center]Da sempre punto di riferimento per tutti i costruttori di batterie, Ludwig è ancora oggi leader nel settore. Una leggenda che inizia nel 1909 con i fratelli William F. e Theo Ludwig. Nei suoi rullanti alberga un’anima antica e un suono con il quale tutti devono confrontarsi.[/quote_box_center] [su_slider source=”media: 1448,1449″ link=”lightbox” title=”no”] [su_dropcap size=”5″]A[/su_dropcap]l tatto e alla vista, questo rullante in bronzo Ludwig Supraphonic LB550, evoca immediatamente passione, storia e tradizione. Ottima è la sensazione di solidità che sprigiona dal suo hardware, i cerchi spessi e le cromature ben fatte. Il fusto è un pezzo unico da 5” (12,7 cm) con uno spessore di 1,15 mm. Realizzato senza saldature (seamless) è costruito con una lega di metalli simile a quelli normalmente usati per la realizzazione dei piatti in bronzo. Questo modello monta un fusto di tipo liscio con una nervatura centrale. Un classico di questo marchio, con quel tocco di aggressività che non ci dispiace affatto. I blocchetti sono della serie Imperial, modello P2230R in acciaio cromato con scasso centrale. Anche i nottolini sono in acciaio cromato ben annegati nel blocchetto. Bisogna sottolineare la bontà delle cromature che sono di ottima fattura. Un bagno elettrolitico degno di una Harley! I cerchi sono un pezzo importante per un rullante e Ludwig decide di montare cerchi classici in acciaio cromato a tripla flangia da ben 2,5 mm di spessore con la cresta finale in po’ più larga degli standard, il che conferisce un ottimo feeling sul cross stick. Il cerchio inferiore ha un passa cordiera leggermente bombato e stilisticamente affascinante. I tiranti montano una doppia rondella, una in metallo a contatto con il cerchio e una in nylon nero a contatto con la base della testa quadra. Il nylon conferisce scorrevolezza al tirante durante la fase di accordatura così da aumentare il feeling sotto il polso. I tiranti in acciaio sono equipaggiati con dei gommini posizionati tra nottolino e cerchio in funzione di ferma tiranti. Comodi quando dobbiamo cambiare la pelle o abbiamo necessità di aprire il rullante, evitando che i tiranti si disperdano in giro. Soluzione semplice e di grande efficacia. Ben rifinito anche l’interno del fusto, con le viti ferma blocchetto di tipo round pot. I blocchetti sono separati dal fusto con una gomma di media densità e di spessore decisamente generoso. Il sistema di tensione della cordiera invece monta una intramontabile macchinetta P85, con regolazione classica e un but tipo P33 alla parte fissa. La cordiera è una Ludwig a 20 fili in acciaio, con le estremità che possono ospitare anche i cordini.

Il test

Montiamo il nostro Ludwig Supraphonic su un reggirullante Atlas e diamogli una bella accordata.
Sotto monta una pelle trasparente non particolarmente sottile, marcata Ludwig. La pelle battente è una LW3314. Si tratta di una Coated medium con la caratteristica sabbiatura parecchio robusta, compatta e dalla rugosità soft… È una pelle pronta per le spazzole. Voilà! Ma noi oggi ci andiamo di bacchetta, perché ci interessa capire bene cosa possa tirar fuori il fusto in bronzo di questo tamburo. Accordiamo le pelli su di un range medio alto e… ci piace subito! Grande rimshot e ottima precisione, al centro del tamburo. Precisa anche la cordiera, che legge benissimo le ghost notes e ti fa sentire a proprio agio. È un piacere sentire un rullante che ha un così grande volume e decisamente una grande voce. Il tono è abbastanza scuro ed è notevole la sua interpretazione delle varie dinamiche. Scendendo con l’accordatura la voce si incupisce e il suono diventa “ciccio”, ma diventa necessario intervenire con un piccolo moon gel per correggere l’allungamento della nota. Anche in questa modalità lo troviamo piuttosto interessante anche se, in effetti, sembra proprio preferire le accordature medio alte. Lì, questo rullante, è esaltante! Il decadimento del suono è molto controllato a centro pelle, fuori centro si esibiscono armoniche veramente funk.

Conclusioni

Di grande fascino, questo Ludwig Supraphonic LB550 è un rullante aperto a tutto campo e adatto per ogni genere musicale. Costruito in maniera semplice, ma impeccabile, offre al batterista diverse gamme sonore tutte da scoprire. Una caratteristica propria di tutti i grandi strumenti.

Un grazie a Luca Negrisolo per le foto e a Percussion Village, di Milano, per la cortesia e l’ospitalità.

Aramini

Tel. 051.6020011
www.aramini.net
info@aramini.net
998,00 Euro  Iva compresa

[su_divider top=”no” text=”Torna sopra” size=”2″]

Strumenti Musicali n. 3 — Aprile 2015

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here