Una RG a sette corde per i generi moderni.

[su_slider source=”media: 3622,3621,3620,3619″ link=”lightbox” title=”no”]

Per il marchio Ibanez la RG è la chitarra più rappresentativa e riconoscibile. In quasi trent’anni di presenza sul mercato, la RG si è presa una bella fetta di clienti a colpi di suonabilità e di ottimo rapporto qualità/prezzo. Per questi motivi è uno degli strumenti più diffusi fra i giovani metallari. È proprio pensando a questo target che Ibanez ha concepito i modelli a sette corde. La RG927WZCZ, oggetto del nostro test, è una sette corde della serie Premium che denota gli strumenti Ibanez di produzione indonesiana, in fascia di prezzo media, caratterizzati da alte prestazioni e alta affidabilità nel tempo. Realizzati con materiali selezionati e cura dei dettagli, con elettronica e hardware di prima scelta, le chitarre e i bassi della serie Premium sono strumenti per chi desidera avere un po’ di più rispetto ai modelli base.

Il test

A prima vista la Ibanez RG927WZCZ affascina per il colore naturale e per i legni impiegati, inusuali per una chitarra. Il top è in ziricote con delle venature molto interesanti, in rilievo al tatto. Il corpo è in tiglio mentre il manico è in wengé e bubinga. L’aspetto generale è molto naturale, con i colori dei legni che ben si sposano fra di loro e una finitura satinata perfettamente in linea con lo stile dello strumento. Malgrado sia arrivata a noi tramite corriere, sembra appena uscita dalla liuteria; basta una semplice accordatura (nemmeno troppo complicata tenendo conto del ponte flottante) e siamo pronti per suonare. Questo ci fa presagire che sia una chitarra stabile in cui le regolazioni dureranno nel tempo. Inoltre, grazie al ponte Edge-Zero II-7 con sistema di regolazione ZPS3Fe è possibile regolare facilmente la tensione delle molle tramite una ghiera, senza dover smontare il coperchio posteriore. Sebbene sia una chitarra a sette corde, il peso è contenuto e abbastanza simile a quello di una sei corde. L’esperienza tattile è molto positiva, con i tasti ben rifiniti e un manico che, per essere una chitarra a sette corde, è davvero sottile; in perfetto stile Ibanez e adatto alle tecniche più estreme. La suonabilità è ottima, occorre solo fare attenzione con la settima corda perché, se colpita troppo forte, cresce di intonazione. Questa RG927WZCZ è pensata maggiormente per i solisti che troveranno nel ponte flottante un valido alleato per i più estremi dive bombing. Per quanto riguarda il suono, i legni fanno risuonare le frequenze medio/alte, a bilanciare il tutto ci pensano i pick-up DiMarzio IBZ-7, scavati dove serve. Purtroppo c’è una fastidiosa risonanza, sfortunatamente attorno alla nota del La, che si sente già con la chitarra spenta e può dare fastidio sui suoni distorti. Nulla di grave, si può risolvere facilmente stoppando le molle del ponte con un panno o una spugna. I pick-up sono passivi ceramici, identici fra loro e suonano diversamente solo per il fatto di essere collocati in punti differenti del diapason. Pur mantenendo il megaswitch a cinque posizioni è stata fatta una scelta particolare sulla commutazione dei pick-up. Nella posizione 1 abbiamo il pick-up al manico. Il suono è grosso e presente in tutte le frequenze, perfetto per gli arpeggi puliti o gli assoli lirici. Nella posizione 2 abbiamo sempre il pick-up al manico, ma connesso in parallelo. Suona simile a un single coil, ma con meno frequenze basse. Questa sonorità è molto difficile da trovare su altre chitarre a sette corde. Nella posizione 3 abbiamo entrambi gli humbucker attivi e la sensazione è proprio quella di avere due suoni (quello del pick-up al manico e quello del pick-up al ponte) contemporaneamente. Nella posizione 4 abbiamo entrambi i pick-up accesi e splittati, con attive le bobine interne. Il suono è scoppiettante e sottile, perfetto per gli accordi puliti. Nella posizione 5 abbiamo il pick-up al ponte. Potente e definito è perfetto per le ritmiche e gli assoli ad alto contenuto di gain. Queste commutazioni di pick-up sono davvero interessanti perché danno dignità alle posizioni 2 e 4, di solito poco utilizzate sulle altre chitarre di questo tipo. Completano i controlli sul suono i classici volume e tono, efficaci e lineari. Interessante la dotazione dello strumento: una leggera custodia semirigida rettangolare con ampie tasche e un “coltellino svizzero” di attrezzi che comprende brugole, chiave del tendimanico, cacciaviti e righello.

Conclusioni

La Ibanez RG927WZCZ è un’ottima chitarra a sette corde, caratterizzata da una realizzazione di tutto rispetto e da un’interessante rapporto qualità/prezzo. È una chitarra dal suono definito, potente e versatile, ottima per il metal e i generi musicali attuali.

Mogar Music

Tel. 02.935961
www.mogarmusic.it
info@mogarmusic.it
1.340,78 euro  Iva compresa

[su_divider top=”no” text=”Torna sopra” size=”2″]

Strumenti Musicali n. 1 — Gennaio 2016

RASSEGNA PANORAMICA
Rapporto qualità/prezzo
Realizzazione
Suono
Facilità d’uso
Condividi
Articolo precedenteSoftube Console 1
Prossimo articoloCordoba GK Studio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here