Questo mese proviamo uno strumento intrigante quanto inusuale, il basso “tenore” a sei corde. Protagonista di questo test è la moderna evoluzione del leggendario Fender Bass VI.

[su_slider source=”media: 3638,3637,3636,3639″ link=”lightbox” title=”no”]

Il Fender Bass VI, originariamente noto anche come Fender VI, è l’unico esemplare di basso elettrico a sei corde prodotto da Leo Fender: concepito come basso “tenore” spesso viene anche definito (con buona approssimazione) chitarra baritona ed è caratterizzato dall’accordatura standard della chitarra regolata però un’ottava sotto. A lato pratico esso rappresenta un ibrido che può assolvere alle funzioni sia di basso, sia di chitarra. Stilisticamente si avvicina molto al design della chitarra Fender Jazzmaster (per via della forma del corpo e per la presenza del complesso ponte-vibrato). Il corpo è in ontano mentre il manico bolt-on è in acero (pezzo unico) con un profilo a “C” sufficientemente bombato e paletta in stile Strato con sei meccaniche Vintage style. La tastiera in palissandro ha un raggio di curvatura di 9.5”e ospita ventuno tasti di medie dimensioni. Il ponte-vibrato è il Fender 6-saddle Vintage-Style (con una leva di dimensioni generose). La parte elettrica, rigorosamente passiva, comprende un humbucke JZHB al ponte e due single-coil Special Design Hot Jaguar in posizione centro e manico, il tutto controllato da volume, tono e selettore a cinque posizioni (manico, manico/centro, centro, centro/ponte, ponte).

Il test

Anzitutto è doveroso fare una piccola premessa: per un bassista il primo impatto con questo strumento può essere disorientante poiché le dimensioni del manico, lo string- spacing stretto e il tipo di corde impiegate lo fanno assomigliare più a una chitarra che a un basso. Lo strumento si presta molto a un certo tipo di finger style chitarristico (con ampio uso del pollice) e, facendo uso del plettro, tutto diventa ancora più incisivo e coinvolgente. La tecnica slap, a mio avviso, non è proprio indicata in un contesto simile. Ho comunque trovato questo Bass VI Pawn Shop ben bilanciato, sia suonato da seduti, sia con lo strumento a tracolla. Già suonando lo strumento, senza alcun tipo di amplificazione, la combinazione di tutte le corde conferisce una sonorità corposa ricca di “overtones”. Il sustain è buono, presumibilmente grazie alla consistente base del ponte, mentre le fondamentali rimangono presenti e consistenti su tutta la tastiera. Suonando in cuffia si nota un’ottima pulizia timbrica e l’assenza pressoché totale di fruscii, indice che la parte elettrica è cablata e schermata a dovere. Anche la prova attraverso il sistema d’amplificazione ha portato risultati degni di nota: le basse frequenze risultano ben bilanciate lungo tutta la tastiera. Inoltre il selettore a cinque posizioni consente di ottenere una paletta timbrica sufficiente per pressoché tutte le situazioni musicali (le posizioni manico/centro e centro/ponte offrono sfumature timbriche molto interessanti). Suonare correttamente su sei corde richiede un po’ di pratica all’inizio, ma alla fine il tutto è estremamente godibile: riff in puro stile rock, passaggi di accordi e, soprattutto, frasi con corde vuote suonano presenti e ricche di armoniche.

Conclusioni

Superati i primi timori per l’aspetto un po’ inusuale, il Fender Bass VI Pawn Shop si lascia apprezzare parecchio: è da considerarsi come il moderno equivalente di un intramontabile classico del quale emergono continui richiami vintage. Se ciò che state cercando è uno strumento con cui espandere il vostro vocabolario bassistico o più semplicemente per sperimentare sonorità fuori dall’ordinario, il Fender Bass VI Pawn Shop rappresenta una scelta davvero azzeccata, complice anche il prezzo competitivo.

M. Casale Bauer

Tel. 051.766648
www.casalebauer.com
info@casalebauer.com

1.293,75 euro  Iva compresa

[su_divider top=”no” text=”Torna sopra” size=”2″]

Strumenti Musicali n. 1 — Gennaio 2016

RASSEGNA PANORAMICA
Rapporto qualità/prezzo
Realizzazione
Suono
Facilità d’uso
Condividi
Articolo precedenteCordoba GK Studio
Prossimo articoloKor Effective H-57

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here