— Andrea Beccaro

[quote_box_center]Il nuovo collare Level 360 fa fare un importante passo avanti alle pelli per batteria in generale. La pelle battente Heavyweight riduce notevolmente la distanza tra durata e qualità del suono delle pelli per rullante.[/quote_box_center] [su_slider source=”media: 815″ link=”lightbox” title=”no”] [su_dropcap size=”5″]L[/su_dropcap]a batteria è uno strumento alquanto peculiare: negli ultimi quarant’anni abbiamo visto una quantità enorme di innovazioni, che a sua volta ha scatenato un’ancor più grande quantità di discussioni e controversie. Si sono toccati pressochè tutti gli argomenti, dalla direzione delle venature degli strati dei legni alla differenza della durata del sustain tra un fusto laccato e uno ricoperto (millesimi di secondo!). In realtà c’è un punto ben preciso che fa sì che un tamburo suoni: quello dove pelle (il collare) e fusto (il bordo) si incontrano. Ma se sui bordi sono state spese già non poche parole (e derivanti diatribe), sull’altro elemento (il collare) il silenzio regnava pressochè indisturbato. Evans ha analizzato attentamente quella parte così importante (e così sconosciuta) dello strumento e, dopo varie sperimentazioni, ecco che arrivano il collare Level 360 e la decisione di usarlo su tutte le pelli del suo ampio catalogo. Il collare Level 360 dovrebbe far sì che la pelle si adatti in modo uniforme a qualsiasi tipo di tamburo e bordo e, di conseguenza, migliorarne accordabilità, capacità di estensione e tenuta dell’accordatura stessa. Evans ha anche introdotto un nuovo anello di fissaggio per le pelli, ripiegato su sé stesso, sempre per contribuire ai miglioramenti di cui sopra. Il modello Heavyweight è invece una nuova pelle battente per rullante a doppio strato con centro rinforzato inferiormente. Ogni strato è spesso 10 mil e, aggiungendo lo spessore del rinforzo al centro, si ottiene sicuramente una pelle molto resistente, ma che, in teoria, non dovrebbe suonare molto bene. Il modello Heavyweight è disponibile anche in versione Emad per cassa.

Il test

Abbiamo avuto la possibilità di sperimentare un set completo di pelli Level 360 (cassa, rullante, un tom e un timpano, battenti e risonanti) paragonandole ad un set di pelli uguali, ma di produzione precedente all’introduzione del collare Level 360. Il tutto su due batterie di epoche diverse (una attuale, una di trent’anni fa), con legni e bordi differenti. La tecnologia di formazione del collare Level 360 mantiene tutte le promesse, e le supera anche. La facilità di accordatura è impressionante; raggiungere un’intonazione omogenea tra i tiranti è decisamente più facile, anche perchè sembra che le pelli (e qui crediamo che il nuovo anello faccia decisamente la sua parte) necessitino di una quantità di stretching assai inferiore prima di assestarsi. Anche l’estensione tonale sembra ampliata, o meglio, la qualità del suono agli estremi è migliorata, con una tendenza minore dei tamburi a “chiudersi” su tensioni elevate e con una risposta dinamica migliore con accordatura molto bassa. La tenuta è ottima, anche se va detto che anche i modelli precedenti garantivano già una buonissima performance. Parlando puramente di suono, sembra che le Level 360 restituiscano uno spettro di frequenze più ampio, un po’ più aperto e con una leggera enfasi sulle basse frequenze. Unendo queste caratteristiche alla facilità di accordatura, è facile capire come per il batterista possa diventare più agevole ottenere suono e intonazione precisi, aiutandolo così nella ricerca del suono ideale. La pelle battente per rullante Heavyweight (ovviamente con collare Level 360) colpisce per qualità del suono, peculiarità che, in teoria, una pelle così spessa non dovrebbe offrire. Evans ha condotto diverse ricerche sul modo di unire gli strati di una pelle (sperimentando con direzioni di fibre) fino ad un risultato che permette di accoppiare due strati di notevole spessore, aggiungere un centro rinforza-to e comunque mantenere un’ottima performance sonora. L’attacco è molto presente, pronto, preciso e compresso, con risonanza controllata ma viva, dove l’intero spettro delle frequenze è rappresentato, andando ad evitare il suono “scatoloso” che le pelli per rullante di un certo spessore tendono a restituire. Anche la sensibilità è decisamente buona, per una pelle di questo peso; ovviamente la durata è ottimale e dovrebbe rendere felici i batteristi che prediligono un certo tocco “deciso” sul rullante. Tra gli entusiasti utilizzatori della Heavyweight figura Kenny Aronoff, che sul backbeat imperioso di rullante ha praticamente costruito un’intera carriera.

Conclusioni

La scelta coraggiosa di produrre l’intero catalogo di pelli con il nuovo collare Level 360 conferma che Evans cerca costantemente di guardare al futuro della batteria, attento alle esigenze dei batteristi. La tecnologia di formazione del collare Level 360 realizza quel che promette e i benefici per i batteristi non sono da poco: alzi la mano chi, infatti, non ha mai desiderato che l’accordatura del proprio strumento diventasse più facile. La pelle battente per rullante Heavyweight Snare è ideale per chi cerca grande durata, senza dover sacrificare il suono del suo prezioso strumento. Per le novità Evans la prova è sempre vivamente consigliata.

Bode

Tel. 02.58118958
www.bodesrl.it
info@bodesrl.it

Esempi di prezzi di pelli da 14” Level 360 (Euro Iva compresa)
G1  9,00
G2  7,50
EC2  9,50
Heavyweight  19,00

[su_divider top=”no” text=”Torna sopra” size=”2″]

Strumenti Musicali n. 6 — Dicembre 2014

RASSEGNA PANORAMICA
Rapporto qualità/prezzo
Realizzazione
Suono
Facilità d’uso
Condividi
Articolo precedentePalmer Pedalbay 60
Prossimo articoloLewitt Audio MTP 840 DM