— Emanuele Bazzotti

[quote_box_center]Un amplificatore a transistor con interessanti innovazioni.[/quote_box_center] [su_slider source=”media: 2186,2187″ link=”lightbox” title=”yes”] [su_dropcap size=”5″]L[/su_dropcap]a serie ID: rappresenta il culmine della ricerca e sviluppo Blackstar che impiega la tecnologia transistor con importanti novità. Prima fra tutte la TVP (True Valve Power), un brevetto Blackstar che imita la risposta sonora (in suono, dinamica e volume) di sei diversi tipi di valvole. Attivando questa funzione l’amplificatore si comporta similmente a un valvolare di pari potenza. Ciò significa che, pagando un po’ di più rispetto ad un amplificatore a transistor standard, è possibile avere il volume di un amplificatore valvolare senza correre il rischio di “scomparire” quando su un palco suoniamo insieme a basso e batteria. L’ID:60TVP è un combo 1×12” programmabile in cui controlli permettono di salvare e richiamare le proprie impostazioni sia dall’amplificatore che dall’apposito footswitch FS-10 venduto separatamente.

Il test

Selezioniamo la modalità manuale (il suono riflette la posizione di ogni singola manopola) e sentiamo come suona. Sebbene le funzioni siano tante il funzionamento è abbastanza semplice, accordiamo con l’accordatore incorporato e partiamo. Sul pannello anteriore abbiamo da sinistra a destra la rappresentazione del percorso del segnale. Subito dopo l’ingresso della chitarra abbiamo il controllo Voice che ci permette di selezionare uno dei sei canali disponibili: Clean Warm, Clean Bright, Crunch, Super Crunch, OD 1, OD 2. Andiamo da suoni puliti cristallini a distorti corposi hi gain per un’ottima versatilità sonora. Abbiamo poi la sezione di equalizzazione con i classici bassi, medi e alti e l’innovativa funzione ISF (Infinite Shape Feature). Questa funzione (anch’essa brevetto Blackstar) lavora con l’equalizzazione per modificare il suono da inglese ad americano. La manopola di controllo è continua e permette quindi anche una miscelazione a piacere dei due suoni. Dopo l’equalizzazione abbiamo l’interessante funzione TVP. È attivabile tramite apposito pulsante ma una volta accesa difficilmente si torna indietro! È possibile selezionare sei diverse valvole per simularne la risposta sonora: EL84 dà un suono cristallino e compresso (classe A), 6V6 un po’ più frizzante molto compresso con pochi medi (classe A), EL34 un classico crunch british corposo e dinamico (classe A/B), KT66 un suono vintage ricco e caldo (classe A/B), 6L6 più compresso (classe A/B) con predominanza di alti e bassi, KT88 con molti bassi (classe A/B). Confermiamo ciò che sostiene Blackstar «LOUD as valve», l’ID:60TVP sebbene sia a transistor ha lo stesso volume di un amplificatore a valvole di pari potenza. Certo i puristi sentiranno sempre la differenza fra simulazione e valvole reali ma qui ci siamo molto vicini, ad un prezzo molto interessante. Dopo aver definito il suono possiamo aggiungere modulazioni (phaser, flanger, chorus, tremolo), delay (lineare, analogico, tape, multi) e riverberi (room, hall, spring, plate) basati su effetti boutique e con tap tempo. Sono semplici e facili da editare ma per un editing più approfondito possiamo utilizzare la porta USB e l’apposito software gratuito che permette altre funzioni come modificare, importare, esportare e condividere suoni con la comunità online, registrare in diretta, riamplificare tracce di chitarra, suonare a loop (con time stretch) sezioni di file audio. Alla fine della catena abbiamo i controlli sul finale di potenza: resonance (risposta sui bassi), presence (regolazione degli acuti) e master volume. Una volta impostato il suono è possibile salvarlo in una delle dodici memorie disponibili e richiamabili tramite gli appositi pulsanti posti sul pannello frontale o tramite apposito footswitch che permette diverse modalità di navigazione, l’accesso alle 128 memorie e la possibilità di accendere/spegnere gli effetti in ogni patch. Passando dalla modalità manuale alla modalità di richiamo suoni le manopole restano impostate sull’ultima posizione assunta. Passando al pannello posteriore troviamo la porta MIDI in per controllare le patch di suoni, la presa del footswitch, l’uscita jack con speaker emulator (molto utile dal vivo o in studio se non vogliamo microfonare l’amplificatore), l’ingresso ausiliario (per collegare ad esempio un lettore mp3). Questo forse l’unico aspetto migliorabile; avremmo preferito se fosse stato mini-jack stereo.

Conclusioni

L’ ID:60TVP è un combo ricco di suoni con interessanti innovazioni per un utilizzo sia in casa, che in studio, che dal vivo. Rappresenta molto bene la filosofia di Blackstar di permettere ai chitarristi di esprimersi al meglio guardando al futuro con interessanti innovazioni tecnologiche. Grazie ai sei canali, l’ISF, il TVP e gli effetti integrati garantisce un’ottima versatilità sonora.

Backline

Tel. 02.69015709
www.backline.it
info@backline.it
459,00 Euro  Iva compresa

[su_divider top=”no” text=”Torna sopra” size=”2″]

Strumenti Musicali n. 4 — Agosto 2015

RASSEGNA PANORAMICA
Rapporto qualità/prezzo
Realizzazione
Suono
Facilità d’uso
Condividi
Articolo precedenteFender Adam Clayton Jazz Bass
Prossimo articoloShure PSM300 (P3T + P3RA + SE215)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here